Fermentati Tailandesi

Microrganismi rigeneranti

fermentati tailandesi

Fermentati Tailandesi: cosa sono?

Si tratta di preziosi liquidi acetici che si ottengono da un’antichissima procedura tailandese di trattare i vegetali (frutta e/o verdura, erbe, semi, ecc.).

Sono un po’ come gli aceti che facevano i nostri vecchi, con tanto di “madre” (gelatina) che si forma sulla superficie del liquido. Sono a lunga “stagionatura”: parliamo di mesi ed anni. E sta qui la loro preziosità: un concentrato di microrganismi benefici, ad azione disintossicante, chelante (portano via i metalli pesanti), stimolante per il sistema immunitario e rigenerante (pelle: eczemi, rossori, punture, psoriasi, tagli, ustioni, ecc.).

Rigenerano tutto ciò che è vivente: uomo, animali, piante (grande uso in agricoltura ed allevamenti); igienizzano e puliscono materiali, superfici, anche il legno, antimuffa. Sono antiodoranti (lettiere, compost, stalle, scarichi, immondizie, frighi, ecc.).

Puliscono e disintossicano acque, anche da bere, o per cucinare. Puliscono da veleni verdure, ortaggi, insalate, frutta.

Si usano per impastare e rendere digeribile ogni panificato, dolce, ecc.

Sono molto concentrati e vanno diluiti. Oppure usati puri a piccole dosi.

Più invecchiano e più sono potenti

Tantissime testimonianze di miglioramenti di varie patologie.
Se ti interessa, a breve sarà disponibile un link da cui scaricare alcuni documenti più… esaustivi.
Devi solo aver pazienza di leggere un po’.
Ah! Si autoproducono in casa a costo quasi zero 😉

Ksenia Botter